.
descrizione
Una delle critiche più ricorrenti al nostro paese è la mancanza di una vera classe dirigente. Il riferimento è inevitabilmente e comprensibilmente alla classe politica, che dimostra in troppe occasioni una grave mancanza di competenza ed un grado di improvvisazione inaccettabile da parte di chi ha il compito di governare il paese.

Vai all'home page di:
Pubblica amministrazione e Innovazione
agenda
loading...
loading...
loading...
loading...
loading...
cerca

feed di La formazione delle classi dirigenti Feed RSS

post

Una richiesta

contributo inviato da paola.caporossi il 6 ottobre 2008

Sta aumentando il numero di contributi al Forum decisamente fuori tema.
Per migliorare il nostro lavoro e l'apporto che i Forum possono dare al dibattito programmatico nel PD, chiediamo cortesemente che ciascuno cerchi di indirizzare il proprio contributo al Forum che più si avvicina al tema toccato.
Inoltre, dovremmo ora passare dalla fase della critica anche a quella della proposizione. Aspettiamo, perciò, i vostri suggerimenti e proposte.

commenti:


commento di   xiaobu004 inviato il 11 dicembre 2010

The trade in Replica Omega Watches has become sophisticated, complete with full-color glossy brochures and catalogues of counterfeited watches produced in China and offered for sale to retail vendors. If you observe closely you will see that even an authentic Rolex movement does not have a perfectly smooth second-hand sweep, but actually eight movements per second.
commento di   tcalloni inviato il 29 gennaio 2009
Proposizione?
Lasciami criticare, poi proporrò, se avrò qualcosa da proporre, di sicuro ho molto da criticare.

Ho 19 anni. Forse sono pochi, forse troppi.
Alle primarie del PD io c'ero, non ancora maggiorenne, c'ero. Sono uscito dal seggio con 32 denti di sorriso canticchiando "libertà è partecipazione". Ho visto una campagna elettorale che definire "fallimentare" è già un eufemismo. Il PD nasceva (secondo me nel momento sbagliato, era ovvio che Prodi, un primo ministro preparato e capace, sarebbe caduto) come antagonista naturale di Berlusconi.

Walter ha fatto un errore colossale (no, non è vero, ne ha fatti moltissimi, ma ora me ne interessa uno): è sceso sul campo di Berlusconi partendo con l'idea di non sporcarsi le mani. Ha fatto una campagna elettorale vaneggiando di un certo "principale esponente del partito a noi avverso". Ha voluto fare il "signore". E si può anche essere d'accordo. Io ho una grande stima per chi dice "Voglio essere migliore, non voglio scendere al suo livello, anche a costo di pagarne le conseguenze", ne ho meno quando l'ultima frase diventa "anche a costo di farne pagare le conseguenze all'Italia". Berlusconi (ve lo ricordate?) si presentò ad un comizio strappando dei fogli che, diceva, erano il programma del PD. Walter perdeva contatto con la realtà.

Sai qual'è il problema? Che Veltroni sostiene di aver da tempo scaricato Di Pietro. Io Di Pietro l'ho votato. E credo che il PD avrebbe qualcosina da imparare dall'IdV. Quantomeno quella volontà di pulizia. Io non credo in Veltroni, non più. A Veltroni il PD si è consegnato mani e piedi, con un rito quasi autocelebrativo, una gara senza avversari (Bersani? D'alema? Franceschini? Letta il giovane? Possibile che solo la Bindi si sia voluta candidare?). Guardo programmi d'approfondimento. Vedo le giovani (40 anni, forse "giovani" non è proprio la parola più giusta) generazioni del PdL costituite da teste di legno, eredi di quell'idea politica alla Elio Vito, quel gene
commento di   b&b inviato il 30 novembre 2008
QUOUSQUE TANDEM, Paola?
Perchè "dovremmo ora passare dalla fase della critica anche a quella della proposizione"? perchè?
Il PD = Partito Democratico è forse ora strutturato, correttamente organizzato, motivato e coerentemente orientato sui principi fondanti che erano nei nostri sogni quando a valanga abbiamo votato alle Primarie? Un Partito moralmente, culturalmente e "professionalmente" forte e, così, con le carte in regola per entrare a pieno diritto nell'agone politico e a gamba tesa, contro la struttura del fantomatico Centro-Destra che destabilizza il Paese?
Come e con chi, poi? Con......
- Due Televisioni
- Quattro "Correnti"
- Otto Personaggi che un giorno si e l'altro pure altro non fanno che tirare sgambetti, contestare e criticare Walter anche per come si soffia il naso? (Parisi & Binetti, D'Alema & pizzinista, Marini & sua sorella, ed altri delll'accomandita destabilizzatori).
Questo, Paola, è il "nuovo" che proponiamo al Paese? Con questa "struttura" noi ci apprestiamo ad affrontare Berlusconi ed a convincere l'altra mezza-Italia che, povera credulona, si è fatta gabbare ed a stento se ne sta accorgendo?
Ma davvero non ci accorgiamo del consenso che abilmente la struttura governativa, imbrogliando le carte, si è data scardinando il sistema democratico in tutti i suoi Valori Fondanti?
Qui il sistema democratico-parlamentare non esiste più, non serve se si fanno Finanziarie in 10 minuti ed in 7 minuti provvedimenti che dovrebbero scuotere il Paese dalle fondamenta e rilanciarlo.
Una settimana fa mi sono iscritto al Pd con mia moglie perchè, forse ingenuamente, sono ancora convinto che le Primarie ed il Circo Massimo abbiano detto qualcosa a metà Italia ed a tanti cittadini incerti, delusi e disorientati.
Purtroppo penso che, grazie ai personaggi sopraccitati, lo sarano ancora di più nell'immediato futuro.
Paola, vuoi una proposta concreta? Invita il Popolo delle Primarie a buttare fuori costoro; al PD gli si aprirà un

inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.


informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
12 febbraio 2008
attivita' nel GRUPPO